La Casera

 

La Casera si trova circa a metà strada tra Bresciadega ed il rifugio Brasca, a quota 1240 m. Dal 2009 grazie ad un accordo tra il Consorzio alpe Bresciadega e la Fondazione Baden, gli scout possono utilizzare anche la Casera ed i terreni circostanti.

Si tratta di una baita costruita nel 1929 ed originariamente adibita alla produzione del formaggio. E' una struttura in pietra e, originariamente, con tetto in cemento armato. Per questo dettaglio, al contrario di parecchie altre baite, sfuggì all'incendio di rappresaglia del 1 dicembre 1944 quando le truppe fasciste invasero temporaneamente la valle mentre inseguivano i partigiani in fuga verso la Bocchetta della Teggiola. Un fuggitivo fu raggiunto ed ucciso a Coeder in prossimità del rifugio Brasca (lapide commemorativa).

Nel 2010, la baita è stata completamente ristrutturata dalla Fondazione Baden per l'utilizzo come base scout. La Casera è dotata di posti letto, cucina, bagni, possibilità di accamparsi e accendere il fuoco sul greto del torrente.

Ai gruppi viene richiesto, se possibile, di lasciare un contributo liberale alla Fondazione Baden che possiede ed amministra la base, sia per le notti passate all'interno della struttura sia per quelle in tenda nelle piazzole. Ed un contributo aggiuntivo per chi utilizza il gas o delle riserve di cibo. Questi contributi vengono utilizzati per le spese di manutenzione della base: materiale di consumo, gas, trasporti, riparazioni.

La Casera è aperta nella stagione estiva per uscite e route, d'inverno viene chiuso l'acquedotto per problemi di gelo (il sole non arriva da novembre a febbraio!).

 

 

Prenotazione delle basi scout