Sentiero Centralina - Casera

Salita alla Casera dalla Centralina

Percorso facile, fattibile anche con poca luce, privo di tratti ripidi, ma in salita fino a Stoppadura. Si segue la pista agro-silvo-pastorale carrozzabile. Fino a Stoppadura il percorso è prevalentemente al sole, dopodiché si entra nel bosco. In alcuni tratti si può ancora seguire il vecchio sentiero preesistente alla pista. Una di queste varianti fa attraversare le frazioni di Salina e Piazzo. Tuttavia non vi è rischio di perdersi perché le varianti si rincontrano portando alla stessa destinazione.

Difficoltà T

Dislivello totale in salita 400 m.

Tempo di percorrenza 1 h 45m.

Acqua: fontane a Salina, Piazzo, Stoppadura, Bresciadega, Casera.

Possibilità di campeggio: permesso solo in Centralina e in Casera (serve prenotazione).

Dalla Centralina si prosegue lungo la pista agro-silvo-pastorale che da qualche anno ha sostituito l'antico sentiero, presto si raggiunge la piccola diga ("presa d’acqua") che raccoglie ad uso idroelettrico l'acqua del torrente Codera.

Si giunge ad una cappella sotto una coppia di magnifici aceri dove una freccia indica che il sentiero per il rifugio Brasca prosegue a sinistra, verso le case di Salina, mentre la pista prosegue diritta passando sotto le case (chi vuole può seguire il vecchio sentiero e ricollegarsi più avanti alla pista). La valle ora svolta a destra (Est) e appaiono le cime imponenti che la chiudono. Superato un ponte sul torrente, ci si addentra nel bosco e si arriva alle case di Stoppadura, dove una fontana permette di rinfrescarsi.

Poco oltre, un cancello segnala l'ingresso nei pascoli di Bresciadega (1241 m.). All'uscita del bosco, finalmente si vedono l'ampia piana e il nucleo di baite dell'alpeggio. Qui si trova un piccolo rifugio privato (Rifugio Bresciadega). La pista prosegue nel bosco tra le case e il torrente, dopo una decina di minuti sulla destra si apre una radura erbosa con una baita al limitare del bosco: siete giunti alla Base Scout "La Casera" (1240 m.). Da qui in altri 15 minuti in piano lungo la pista nel bosco si arriva al Rifugio Brasca del CAI Milano (1304 m.).

Percorso inverso

Non ci sono difficoltà particolari; può capitare che nel breve tratto dopo il ponte sul torrente non ci si accorga del bivio a sinistra che riporta sulla pista. In ogni caso, proseguendo diritti si giunge alle case di Piazzo e da qui, seguendo il vecchio sentiero, si giunge a Salina da dove si riprende la pista.